Il 29 luglio esce Una nuova alba – L‘amore è un’onda di rugiada che travolge tutte le barriere, un romance per la collana youfeel della Rizzoli.

 

unaNuovaAlba_RizzoliSabina insegna fisica in un istituto superiore. È sola, dopo la fine della convivenza con Giancarlo. Per lei non è stato facile chiudere un rapporto che durava da tempo, dimenticare e ricominciare. Così quando il preside, uomo molto severo, inizia a corteggiarla, lei va in crisi, dibattuta fra il ricordo di un amore passato e la proposta di una nuova avventura amorosa. Forse fin troppo ardita, dato che il preside è impegnato con una ragazza più giovane di Sabina e non ne fa mistero. Eppure per arrivare alla luce bisogna passare nel buio della notte. E tra le tempeste del cuore. Lo sa Marco, un ragazzo che Sabina incontra quando entra nella chiesa di Santa Lucia per ripararsi da un acquazzone. Un incontro casuale, o forse no?
Un romanzo ricco di emozioni e sentimenti, profondo ed estremamente sensuale, che vi coinvolgerà fino alla fine.

Recensione Reading at Tiffay’s: qui

unNuovaAlbaRecensione_01Settembre

unaNuovaAlba_FB

unaNuovaAlbaEreader_small

Rizzoli, luglio 2016
ISBN:9788858685488
Lingua:Italiano
Costo: 2,99 €

Su Amazon: qui

Su kobo: qui

unaNuovaAlba_banner_fb1

Scendo le scale rabbrividendo. Nell’androne al piano terra c’è Giancarlo. Mi appare pulito e in ordine, mentre io mi sento sporca perché per un breve periodo sono diventata squallida. Giancarlo mi osserva, valuta la densità del mio sguardo, sta decidendo se qualcosa nei suoi confronti è cambiato dall’ultima volta che ci siamo visti. Non voglio che fraintenda la mia nuova consapevolezza con una svolta a suo vantaggio. Lo amo ancora come ha sempre sostenuto Rita e lo amerò sempre. La distanza tra noi, tuttavia, è incolmabile perché a quella che ha segnato lui andandosene si è aggiunta quella che ho percorso io precipitando nel mondo.

 

unaNuovaAlba_banner_fb2

«Vieni con me al Fiore Blu per un caffè. Ti rubo cinque minuti, ma devi concedermeli» insiste.
«Devo?» domando acida, incupendo lo sguardo.
«In nome dei vecchi tempi… della prima volta che ci siamo incontrati… io che mi davo da fare con la squadra nel cortile giù di sotto e tu preoccupata che la fuga di gas al primo piano facesse esplodere il palazzo. Lo ricordi?» chiede inclinando la testa di lato come a voler cogliere il minimo senso di incertezza dentro di me. Certo che lo ricordo, non può dubitarne!
Torno concentrata, vuole solo acquisire un qualche vantaggio psicologico costringendomi a rivivere la magia del momento più bello della nostra vita insieme. Chiaro che si è preparato e quasi quasi… un po’ mi commuovo. Insomma il nostro primo incontro, almeno, ce l’ha ancora in mente. Magari l’ha rispolverato per l’occasione, ma non l’ha rimosso, è ancora tra i suoi ricordi anche se poteva essere solo così. Un amore non si scrive mai a matita.

 

recensioneUnaNuovaalba_30luglio2016